L’età dei cani? Sbagliato moltiplicarla per sette: ecco come si calcola

578

L’età dei cani? Sbagliato calcolarla moltiplicando per sette. Almeno secondo quanto sostiene uno studio dell’Università della California di San Diego, che ha elaborato un metodo scientifico per definire l’età dell’animale domestico per eccellenza. La ricerca, pubblicata su “bioRxiv”, si basa sul confronto dell’orologio epigenetico dei cani con quello degli umani.

Gli esami, che hanno coinvolto in particolare 104 labrador, hanno permesso di elaborare una formula: il logaritmo naturale dell’età del cane va moltiplicato per 16 e al risultato fa aggiunto 31. Alla fine, si ottiene l’età dell’amico a quattro zampe in anni umani.

Per completezza, secondo la ricerca, sette settimane per un cane corrispondo circa a nove mesi per un essere umano: si tratta dei periodi in cui spuntano i denti da latte sia nei cuccioli che nei bambini. Rimangono, al di là di questo, distanze evidenti. I cani raggiungono la maturità sessuale con maggiore rapidità e pertanto non è possibile individuare parallelismi tra l’adolescenza e la mezza età di bipedi e quadrupedi.

Scrivi la tua opinione!

commenti