Cibi e piante che fanno male ai cani, quali sono?

1
689
cibi-piante-velenosi-per-il-cane

if ( td_screen_width < 768 ) { /* Phones */ document.write(''); (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); }

Ciao a tutti da Cicci ed Elly!

Oggi vi parlerò dei cibi che fanno male ai cani perché ogni proprietario dovrebbe essere informato sul cosa i cani possono mangiare e cosa i cani non possono mangiare!

Lo so bene, quegli occhioni teneri che vi guardano mentre siete a tavola … la vostra testa vi dice “non darglielo” e poi il vostro cuore cede. Credo sia meglio resistere e non correre il rischio se volete vedere quegli occhioni dolci sempre con voi!

Non voglio spaventarvi, ma mettervi in guardia e se proprio non riuscite a resistere quando siete a tavola è sempre meglio avvicinare la ciotola del cane e mettervi dentro degli alimenti consentiti! (ricordo comunque che dare del cibo al cane durante il vostro pasto significa per lui il sentirsi al vostro livello e prendersi la libertà di non ascoltarvi!!)

Bene, detto ciò andiamo a vedere quali sono i cibi tossici per i cani!

CIBI CHE FANNO MALE AI CANI:



Cioccolato

provoca un’accelerazione del battito cardiaco, diarrea, vomito altri gravi problemi intestinali che potrebbero portare alla morte del cane.

Alcol

provoca gravi danni al sistema nervoso e problemi respiratori ai cani

alimenti nocivi per cani

Le parti verdi della pianta del pomodoro inclusi i pomodori verdi

ledono il cane

cibi che fanno male ai cani -

Uva & Uva passa

provoca la morte

Aglio & Cipolla

provoca anemia nei cani

Latte

provoca disagi intestinali, il lattosio non è tollerato dai cani (potrebbe essere sopportato in piccolissime dosi)

cibi nocivi per cani

Caramelle e dolci

fanno alzare moltissimo la glicemia nel cane

cani i cibi nocivi

Sale

troppo sale provoca problemi neurologici e spinge il cane a bere moltissima acqua (può essere letale per il cane)

Caffè & Té

provoca problemi al cuore ed al sistema nervoso del cane

Impasti con lievito

possono provocare movimenti nel pavimento gastrico mettendo in pericolo la vita del cane e producono alcohol all’interno dell’intestino

cibo nocivo cani

Rabarbaro

problemi al sistema nervoso ed all’intestino del cane

cibi che fanno male ai cani

Noce moscata

alte dosi di spezie provocano la morte

Noci

provano gravi disagi intestinali

cibi nocivi per cani

Funghi

provocano shock e morte

cibi intossicano i cani

I semi di ciliegie, cachi, pesce, prugna e mela

contengono cianuro!

fava pericolosa per cani

Provoca problemi legati all’apparato digerente, alla febbre, all’ittero, al pallore e a un incremento del volume di fegato e milza.



Erbe e piante velenose per il cane + il rimedio

Alcune erbe causano la morte se ingerite in quantità limitate, ma esistono anche piante che determinano intossicazioni, inoltre alcune piante, foglie o semi possono essere tossici e portare alla morte.

Sono a rischio soprattutto i cuccioli perché hanno l’abitudine di masticare qualsiasi cosa durante la fase di dentizione, pertanto dovrai prestare molta attenzione a che cosa mastica durante il giorno, soprattutto se hai un giardino o se porti il cane al parco.

Nel caso in cui ingerisse qualcosa di nocivo la terapia più efficace risiede in appositi antidoti. Molte specie vegetali, se assunte in quantità massicce, possono determinare un’intossicazione nel tuo cane. Porta subito il cane dal veterinario.

Il veterinario visiterà il cucciolo, farà delle analisi se necessarie e procederà con un’antidoto o una lavanda gastrica.

 

Erbe e piante velenose in dettaglio



abrus-precatorius-pianta-velenosa

Abrus precatorius:se il cane ne ingerisce i semi, che contengono abrina, può presentare debolezza, perdita dell’appetito e febbre lieve

Azalee, Azalea, nociva per il cane

Azalea: causa l’intossicazione del cane che ne assume le foglie. I sintomi si manifestano dopo alcune ore e possono essere vomito, coliche, diarrea, nausea, tachipnea. In alcuni casi, si possono avere problemi al fegato e ai reni.

ciclamino-pericolo-cane

Ciclamino: se ingerito dal  cane  provoca vomito e diarrea, a volte anche convulsioni se assunto in dosi massicce.

velenosa-pianta-cani

Dieffenbachia: le parti tossiche sono le foglie, le radici e il fusto. Solitamente i sintomi sono piuttosto gravi, ma solo se c’è tumefazione laringea. Il tuo cane potrebbe manifestare edema linguale, salivazione eccessiva, stomatite, problemi all’apparato digerente e intossicazione dei reni.

filodendro-pericolo-cane

Filodendro: provoca problemi all’apparato digerente, edema linguale, stomatite, problemi ai reni e all’apparato respiratorio.

 

ficus-velenoso-cane

Ficus: causa sintomi gastroenterici, come vomito e diarrea.

rododendro-tossico-cani

Rododendro: se le foglie vengono ingerite, causano nausea, salivazione eccessiva, depressione, vomito, diarrea, coliche e problemi renali ed epatici.

tasso velenoso

Tasso: una pianta le cui foglie, semi legno e corteccia provocano tachicardia, bradicardia, problemi respiratori, modifiche della minzione, pupille dilatate, tremori che anticipano la depressione, morte dovuta a paralisi cardiaca o respiratoria.

aloe-vera-velenosa-per-i-cani

Aloe: l’ingestione di foglie, può provocare diarrea sanguinolenta e incremento dell’urinazione, dovuto alla barbaloina presente nelle foglie.

glicine-velenoso-per-i-cani

Glicine: i semi o i baccelli, potrebbero provocare diarrea, forte vomito e dolori di carattere addominale.

monstera-dannosa-per-i-cani

Monstera: il contatto può causare dermatiti o edemi a labbra e lingua; inoltre, genera ipersalivazione, problemi nella deglutizione,ò causare dermatiti o edemi a labbra e lingua; inoltre, genera ipersalivazione, problemi nella deglutizione, vomito, diarrea e, a volte, emorragie da parte delle gengive.

Begonia: può generare intossicazioni nel cane, con gastroenteriti che possono essere risolte tranquillamente.

croton-nocivo-per-cani

Croton: pianta tossica Il cane può incorrere in febbre, eczemi, vomito, coliche e diarrea sanguinolenta.

mughetto-velenoso-per-i-cani

Mughetto: particolarmente velenosa per il tuo cane e causa diarrea, aritmie, vomito, crampi e problemi respiratori.

solano-velenoso-cani

Solano: le sue bacche causano gastroenteriti emorragiche, dolori addominali e problemi di carattere nervoso.

tulipano-veleno-cani

Tulipano: se i fiori vengono ingeriti, si avranno sintomi di natura gastroenterica, ma non gravi per il tuo cane.

edera-velenosa

Edera: può causare nausea, diarrea, vomito, problemi respiratori, coma e perfino morte.

L’amarillide  è velenosa per cane e i sintomi più importanti sono vomito, diarrea e coliche; in alcuni casi, potrebbe incorrere in crampi, alterazioni del battito cardiaco e tremori.

giglio-cani-veleno

Giglio: il cane potrebbe intossicarsi se ingerisce foglie o bulbo. Tra i sintomi più comuni troviamo il vomito, la perdita d’appetito e l’apatia.

buxus-velenoso-per-cani

Bosso: una pianta molto tossica per il cane, Può causare nausea, dolori addominali, vomito, scialorrea e può dare anche problemi cardiaci e respiratori.

cycas-tossica-cane

Cycas Revoluta: può essere causa di un’intossicazione piuttosto grave, con gastroenterite emoraggica, danni epatici, insufficienza renale, coagulopatie e la morte.

oleandro-velenoso

Oleandro: velenoso in ogni sua parte e può causare l’arresto cardiaco nel tuo cane anche, ma anche nell’uomo.

spatifillo-tossico-cani

Spatifillo: il suo stelo genera problemi gastroenterici, anche se in alcuni casi provoca emorragie e problemi respiratori.

vischio-pericoloso-cane

Vischio: ricca di alcaloidi, provoca vomito, problemi neurologici e morte per arresto cardiocircolatorio.

anturio-veleno-per-cani

Anturio: le sue foglie provocano diarrea, emorragie, vomito e difficoltà respiratorie.

iris-tossico-cani

Iris: può generare problemi gastroenterici.

cita palustre veleno per cani

Calta palustre: se viene toccata dal cane può generare dermatite da contatto.

dafne-veleno-canino

Dafne: se assunta dal cane può causare bruciore alla bocca, stato d’incoscienza con episodi convulsivi, diarrea sanguinolenta, coma e morte.

glicine-velenoso-per-i-cani

Glicine:  i semi o i baccelli ingeriti potrebbero causare diarrea, forte vomito e dolori di carattere addominale.

ornitogalo-pericolo-cani

Ornitogalo: se il  cane ingerisce il bulbo, può manifestare vomito, perdita d’appetito, apatia, insufficienza renale ed epatica.

stella-di-natale-tossica-per-i-cani

Stella di Natale: le sue foglie rosse possono provocare irritazione oculare, cheratiti, lacrimazione eccessiva, congiuntiviti, stomatiti, vomito, scialorrea e diarrea.



Elenco piante selvatiche velenose:

Acetosa: , può provocare insufficienza renale nel tuo cane.

Arum Maculatum:  problemi al ritmo cardiaco.

Atropa Belladonna:  se ingerita dal cane genera tachicardia, coma, paralisi del sistema nervoso parasimpatico, quindi decisamente letale.

Bella di Notte: se ingerita dalcane provoca nausea, vomito e dolori addominali; a volte, perfino stati confusionali e pupille dilatate.

Cicuta: può condurre alla morte con sintomi neuromuscolari.

Colchico: molto velenosa se viene ingerito il bulbo e i semi, con collasso, paralisi muscolare e respiratoria e morte. Una pianta letale anche per gli esseri umani.

Datura: può causare problemi alla vista, crisi di panico, aritmie, disorientamento, nausea, convulsioni e addirittura la morte.

Digitale: se assunta in quantità spropositate, provoca aritmie piuttosto serie.

Giusquiamo: una pianta molto tossica che causa in modo rapido incoscienza e morte, con grave scompenso cardiaco.

Lauroceraso: la puoi trovare nelle siepi e genera blocco della respirazione cellulare, anossia citossica, convulsioni, coma e morte.

Maggiociondolo: fiori, semi e radici risultano particolarmente velenosi. Se ingeriti, possono provocare problemi allo stomaco, vomito e riduzione dell’assorbimento gastro-enterico.

Mandragora: i semi, se ingeriti, rischiano di causare al tuo cane ipertensione, febbre, perdita di coscienza e insufficienza renale in pochissimo tempo.

Noce vomica: i semi sono molto velenosi e causano convulsioni violente, contrazioni tetaniche e paralisi respiratoria, la quale causa la morte.

Ricino: i semi di questa pianta generano sintomi nell’arco di 18-24 ore, con gastroenterite, febbre, sete, dolori colici e danni renali di grave entità. In alcuni casi possono giungere convulsioni e morte.




Scrivi la tua opinione!

commenti

1 commento

Comments are closed.